Sabbath Bloody Sabbath

Il gruppo cerca sonorità progressive, anche grazie all’ospite di lusso: il tastierista Rick Wakeman, appena uscito dagli Yes. Il risultato è interessante, ma discontinuo.