The Deepest End

L’epilogo del progetto “Deep End” è affidato ad un concerto-maratona che aggrega sul palco del Saenger Theatre di New Orleans, nel corso del JazzFest, nuovi e vecchi compagni di ventura (stavolta ci sono anche due Los Lobos e le glorie locali Sonny Landreth e George Porter Jr.). Impressionante il cast, spettacolare la musica, con moltissime deviazioni dal canone rock blues: spiccano una John The Revelator movimentata dalla scoppiettante sezione fiati della Dirty Dozen Brass Band, una Lay Of The Sunflower ricamata con eleganza dal banjo elettrico di Bela Fleck, una Beautifully Broken legata con scelta azzeccata alla When Doves Cry di Prince e una lunga Blindman In The Dark con il sax di Karl Denson sulle orme di Manu Dibango. Molto altro ancora (con una scaletta in parte diversa) nel Dvd allegato, per un totale di cinque ore e mezzo inebrianti, ed estenuanti, di concerto.