Concerto In B.Goode

Nella seconda metà dei ’60 il rapporto con la nuova etichetta dà origine a cinque album, di buona qualità ma non particolarmente brillanti, con nuove versioni dei vecchi successi, registrazioni di studio effettuate a Memphis e San Francisco e un curioso live, realizzato sempre a San Francisco, dove Berry è affiancato dalla poi famosa Steve Miller Band.

I dischi sono stati tutti riediti su CD nel 1989 corredati da diverse bonus track.

One Dozen Berrys/New Juke Box Hits

Rispettivamente del 1958 e del 1961, i due LP raccolti su questo CD contengono brani di varia estrazione, blues, jazz, country e addirittura musica messicana, non di grande impatto ma comunque indicativi delle qualità dell’eclettico artista.

Tra i titoli spiccano alcuni grandi classici, Sweet Little Sixteen, Reelin’ And Rockin e Rock And Roll Music.

Poet Of Rock And Roll

Originario di St. Louis, Missouri, Charles Edward Berry (1926), effettua le sue prime incisioni nel 1955 per la Chess di Chicago. Il rapporto con l’etichetta dura fino al 1966 e, dopo una breve interruzione, si rinnova fra il 1970 e il 1975. Cresciuto musicalmente su basi di blues nero e country bianco, Berry sviluppa un personalissimo sound, ripreso poi da molti altri musicisti, dà vita ad una originale presenza scenica detta "duckwalk" e, soprattutto, compone testi innovativi, comprensibili e ben accetti anche da un giovane pubblico bianco.

Dopo un hit nel 1955 (Maybelline, primo disco milionario), il grande periodo d’oro si sviluppa fra il 1956 e il 1959 durante il quale vedono la luce titoli come Roll Over Beethoven (million seller), Brown Eyed Handsome Man, You Can’t Catch Me, School Days (million seller), Rock And Roll Music (million seller), Sweet Little Sixteen (million seller), Johnny B.Goode (million seller), Carol, Back In The USA e Memphis Tennessee, alcuni dei più grandi classici del rock and roll.

Dopo la produzione della prima metà dei ’60, consistente ma non eccezionale, il secondo periodo Chess è rischiarato nel 1972 dai due milioni di copie vendute di My Ding-A-Ling. Queste sono tre belle raccolte del materiale Chess, non più recenti ma ancora rintracciabili, in particolare la prima con oltre 70 interpretazioni, apparsa anche in vinile. L’imponente seconda antologia, con oltre 200 brani, vuol essere l’opera omnia dell’artista per l’etichetta di Chicago ma qualcosa manca ancora.

La terza, significatamente intitolata Poeta del rock and roll, comprende oltre 100 titoli.

Chuck Berry 1975

"Ritornato a casa", cioè alla Chess, come dice il titolo del primo album, nella prima metà dei ’70 Berry pubblica cinque LP di buona qualità fra i quali spicca il terzo, registrato a Londra, che contiene il trascinante My Ding A Ling, curiosamente l’unico suo titolo della carriera che sale al n.1 delle classifiche USA e GB.