Safe As Milk

L’esordio, con la leggendaria Magic Band (ospite Ry Cooder) disegna già trame musicali atipiche per la scena americana, che passano attraverso brani sfilacciati, sgraziati, in cui se c’è melodia viene subito soffocata tra urla, distorsioni o parodia zappiana.

Sure ‘Nuff ‘n Yes I Do, Zig Zag Wanderer, Electricity, Yellow Brick Road, Abba Zabba sono tra i brani più noti di tutta la carriera.

Mirror Man

Rimasto inizialmente nei cassetti, contiene registrazioni per la Blue Thumb vecchie di qualche anno ma molto più belle di quelle pubblicate nel 1968: nell’originale versione LP contiene quattro brani dagli effetti devastanti, come il lunghissimo incubo blues di Tarotplane. Altri cinque saranno aggiunti nelle recente riedizione CD.