Souljacker

Un’amicizia cominciata a Top Of The Pops, quella tra Mark Everett e John Parish. Dal suono duro e bluesy del chitarrista di PJ Harvey, produttore a metà, Souljacker acquista una parte crudamente rock (Dog Faced Boy, Souljacker Part I).

Ne ha anche una assai più funky (Teenage Witch, Bus Stop Boxer, Jungle Telegraph) cugina del Beck avvoltoio di mezzanotte.