So Damn Happy

Due o tre brani (tra cui l’ottimo The Only Thing Missing) salvano la grande artista dal ripetere il naufragio del precedente album. Ma ormai, da anni, alla Franklin non è più sufficiente vantare l’antica nobiltà per competere con le più giovani e agguerrite interpreti nu soul.