BLACK HEART PROCESSION/SOLBAKKEN: In The Fishtank

Per la serie degli album-evento della Konkurrent tocca ai Black Heart Procession, che si scelgono come spalla i prog rocker olandesi Solbakken (interviene anche una musicista svizzera di nome Rachael). Improvvisazione premunita.

Tra Morricone, i Bad Seeds e la new wave.

Amore Del Tropico

Non scompare lo stile desolato, però il contesto prevede nuovi ritmi e arrangiamenti più ricercati, finanche leziosi e ammiccanti. Pall Jenkins si ribattezza Paulo Zappoli e il folk spettrale va a sciogliersi al sole del tropico. È la bossa nova nostalgica di Tropics Of Love, con il Dark latino di Broken World, a far presagire un nuovo corso.

2

L’idea di un lento corteo gonfio di spleen si concretizza in 2, fedele alla canzone d’autore americana (da Cash a Dylan, a Tim Buckley, a Tom Waits, fino agli Smog e ai Calexico).

È la sensibilità, più del genere, il tratto unificante tra l’incedere dilatato e marziale di A Light So Dim e il nero folk di Your Church Is Red. Lo zenit si ha comunque in Blue Tears: commovente, solenne, quasi liturgica.

2

L’idea di un lento corteo gonfio di spleen si concretizza in 2, fedele alla canzone d’autore americana (da Cash a Dylan, a Tim Buckley, a Tom Waits, fino agli Smog e ai Calexico). È la sensibilità, più del genere, il tratto unificante tra l’incedere dilatato e marziale di A Light So Dim e il nero folk di Your Church Is Red. Lo zenit si ha comunque in Blue Tears: commovente, solenne, quasi liturgica.

Three

L’arte funerea dei Black Heart Procession al suo punto più intenso, nell’inedia di We Always Knew e nel gemito di Guess I’ll Forget You. Un alone mistico guida il canto agonizzante di Jenkins tra le spoglie e sontuose ballate alla Nick Cave, il blues sfocato (Waterfont e Once Said At The Fires), la marcetta A Heart Like Mine e il peana conclusivo Ships of Gold.