Bach’s Bottom

I primi tre LP raccolgono varie incisioni della seconda metà dei ’70, interessanti ma approssimative, risultato di una vena molto creativa ma del tutto sregolata, condizionata da seri problemi con l’alcol. Ci sono però alcuni pezzi forti come Holocaust, Free Again, Singer Not The Song.