Weed Forestin’

Barlow diventa il paladino della canzone folk/pop in bassa fedeltà (lo-fi), dell’intimismo schivo e della povertà delle incisioni come virtù francescana. I brani sono ventitré e ormai delineano un cantautore originale, sincero e sentimentale ma con un fondo autoironico.