The Tokyo Tapes

A differenza di altri colleghi più famosi, gli Scorpions sono tra i primi ad intuire la necessità di rinnovamento per sopravvivere alla morte dell’hard rock tradizionale. Chiudono così una prima parte di carriera, dedita ad un rock solido, ma anche sognante e sperimentale, con un doppio dal vivo che racchiude tutti i loro maggiori successi, estrapolati da tre concerti a Tokyo, in quel Giappone che per primo li aveva eletti a rockstar. In una scaletta impeccabile, spiccano Fly To The Rainbow, Dark Lady e Robot Man, eseguite con ardore e trasporto e Kojo No Tsuki, brano tradizionale locale, cantato in un improbabile giapponese dalla voce acuta di Meine.