The Swing Of Delight

Si estende ancora la venerabile ombra di Sri Chinmoy, che ispira almeno tre brani, ma la musica ha uno scatto di fantasia; spunti di godibile jazz moderno, più sostanza e idee dietro il velo delle "meditations" e "illuminations". E poi il cast: Santana riesce a radunare Tony Williams, Wayne Shorter, Herbie Hancock e Ron Carter, cioè il quartetto storico di Miles Davis per buona parte dei ’60.