High Voltage

Dopo due dischi destinati al mercato locale australiano (High Voltage, 1974 e T.N.T., 1975), viene pubblicato in America un album che assembla il meglio della loro produzione, dove spicca l’inno It’s A Long Way To The Top. Hard rock torrido che esaspera il blues. Su tutto la voce alcolica di Bon Scott.

Nonostanto l’accoglienza tiepida riservatagli inizialmente da critici e addetti ai lavori, l’album venderà, solamente Stati Uniti, una cifra di tre milioni di copie inaugurando la popolarità internazionale degli Ac/Dc.

Ac/Dc

Formatosi a Sidney nel 1973 intorno ai fratelli Angus e Malcolm Young, il gruppo raccoglie l’eredità artistica degli Easybeats, storica band australiana dei Sessanta, guidata da George, il maggiore dei fratelli Young. E porta agli altari delle cronache il suono ruvido e solare di un intero continente, da sempre fertile di proposte a base di vero rock.

In seguito a ripetuti cambi di line-up, non ultima quella che vede sotituito il precedente cantante Bon Scott – morto prematuramente dopo una notte di eccessi – con Brian Johnson, il gruppo si stabilizza nella formazione attuale.

Comunemente ritenuti pilastri dell’hard-rock e pionieri dell’heavy-metal, gli Ac/Dc vantano ad oggi un numero totale di dischi venduti in tutto il mondo pari a circa 200 milioni di copie, rientrando di diritto nella classifica de “I cento più grandi artisti di tutti i tempi” del magazine Rolling Stone.