Head Over Heels

Il suono della coppia è già un marchio di fabbrica inconfondibile: chitarre effettate e sciabolanti, drum machine onnipresente, voce acuta ed ipnotica che ricorda una Kate Bush trasportata in dimensioni oniriche e lontane.

Carezzevoli cantilene folk-pop (Sugar Hiccup), avvolgenti chitarre twang (In The Gold Dust Rush), atmosfere da jazz club ultraterreno (Multifoiled) disegnano i contorni di una mappa sonora e geografica impalpabile, indefinibile, ma al tempo stesso molto seducente.