ENO/JON HASSELL: Fourth World Vol. 1 — Possible Musics

Ancora un lavoro in partnership, questa volta con il trombettista americano Jon Hassell. Una sorta di world music fantastica, con elementi di etnica, jazz ed elettronica.

Eno è cointestatario del progetto per il suo lavoro come produttore e musicista: i suoi strumenti sono "un raro Minimoog", "chitarre nebulari" e "un Prophet a elevata altitudine".

ENO/DAVID BYRNE: My Life In The Bush Of Ghosts

Eno aveva già lavorato con Byrne, producendo alcune delle canzoni più belle dei Talking Heads. Qui i due si levano da quell’orizzonte e, da soli, realizzano uno dei dischi più influenti di sempre, inventando un taglia-incolla di suoni e rumori che anticipa la stagione dei campionamenti, dei remix, delle riscritture meta-musicali.

Una musica futuristica con radici nel passato remoto, che usa insoliti materiali di base; sermoni, canti di esorcismo, canzoni libanesi o egiziane, dibattiti politici via radio.

ENO/DAVID BYRNE: My Life In The Bush Of Ghosts

Byrne e Eno hanno lavorato molto insieme alla fine degli anni ’70, con alcuni pregevoli progetti Talking Heads. Qui i due si levano da quell’orizzonte e, da soli, realizzano uno dei dischi più influenti di sempre, inventando un taglia-incolla di suoni e rumori che anticipa la stagione dei campionamenti, dei remix, delle riscritture meta-musicali.

Una musica futuristica con radici nel passato remoto, che usa insoliti materiali di base; sermoni, canti di esorcismo, canzoni libanesi o egiziane, dibattiti politici via radio.