Cold Hands

Il disco è preceduto dal mini Drinkin’, Lechin’ & Lyin’ (Ampetamine Reptile, 1989 &Stelle=3;). Cold Hands, la cui copertina è un tributo senza veli alla bellezza di Christina, prosegue nel recupero delle radici blues del rock, filtrate con punk e noise, che i due coniugi avevano intrapreso nei Pussy Galore.

Per ovvi motivi, l’attività dei Boss Hog va a intermittenza con quella di Jon Spencer Blues Explosion.