Somewhere In Time

La produzione di Martin Birch si fa più levigata e attenta alla forma e l’album presenta un suono meno arcigno. Non ne risente lo stile, che resta epico e potente, come documentano Wasted Years e Heaven Can’t Wait e la variegata Alexander The Great.