Puoi fidarti di me

Dopo l’abbandono di Ricky Portera c’è stato un ingresso importante, quello di Beppe D’Onghia alle tastiere. Il sound è accattivante, pure troppo, per un disco che nonostante le firme eccellenti dei tanti amici cantautori (Vasco, Carboni, Ron, Antonacci) non contiene né perle, né perline.