Mirror, Mirror

Di nuovo Stewart e Gouldman da soli, o meglio, bene accompagnati: da Paul McCartney, che suona e canta in diversi brani, senza innalzare il tasso artistico né quello del puro intrattenimento, e il negozio chiude di nuovo.