Enzo Jannacci e Giorgio Gaber

Giorgio Gaberscik (Milano, 1939), ragioniere, si paga gli studi alla Bocconi suonando la chitarra al Santa Tecla, locale frequentato da tutti i milanesi che sognano il rock and roll: Celentano, il pittore Sandro Luporini (in seguito suo coautore fisso), Mogol (che lo invita a fare un provino alla Ricordi), Luigi Tenco, con cui suona nei Rocky Mountains assieme a Jannacci, con cui stringe un legame fraterno. I due, che si esibiscono a lungo col nome I Due Corsari, incidono un disco rock dai testi surreali (vedi la nota Una fetta di limone), somigliante più a Jannacci che a Gaber, che tra i due è il meno rocker e il più compassato, anche se sicuramente divertito.