Go For The Throat

È un ritorno sulle scene guidato da Marriott e Shirley, per due dischi di canonico hard rock, incapace di reggere il confronto con le nuove leve della scena britannica. Dopo lo scioglimento, prende il via il valzer delle antologie.

Greatest Hits Live

È la riedizione del live del 1996, con una copertina diversa, ricca di foto e di informazioni. Probabilmente per problemi di copyright con Frampton, Stone Cold Fever è stata sostituita dalla cover dei Rolling Stones Honky Tonk Woman.

Live At The Whisky A-Go-Go ’69

Notevole live postumo che documenta una delle loro prime apparizioni in America. Grande hard blues, con un’incredibile versione di oltre 20 minuti di I Walk On Gilded Splinters. È il modo migliore per omaggiare, a distanza di dieci anni, Steve Marriot, morto nell’incendio della sua casa nell’Essex il 20 aprile 1991.

Street Rats

Con un sound che si fa sempre più scialbo e indefinibile, la band sfiancata da alcuni cambi di formazione, si lascia morire tra l’indifferenza della stampa, nonostante qualche timida apparizione nelle classifiche inglesi.

In Concert

Testimonianza di un concerto tenuto il 6 maggio del 1973 al Winterland Theater di San Francisco. È una delle poche registrazioni che presenta la formazione con Dave Clempson alla chitarra.

Performance: Rockin’ The Fillmore

È l’album che chiude la breve stagione d’oro del gruppo, un torrido doppio LP dal vivo che documenta la loro forza in concerto, anche se l’approccio istintivo è legato a lunghe improvvisazioni, che stravolgono Hallelujah (I Love Her So) di Ray Charles e Rolling Stone di Muddy Waters, la celebre I Don’t Need No Doctor e brani originali come Stone Cold Fever e I’m Ready. Quando il disco è fuori, Peter Frampton è già volato in America, per cercare fortuna. Viene rimpiazzato da Dave Clempson dei Colosseum.

Back On Track

Dopo oltre quattro lustri dall’ultimo album, ritorna a sorpresa il gruppo con un CD di materiale nuovo, che pur nella sua prevedibilità è un solido e sincero rock duro in puro stile anni ’70. Della partita fanno parte i fondatori Jerry Shirley e Greg Ridley, che si occupa anche di quasi tutte le parti vocali.

Rock On

Steve Marriott, chitarra e voce ha un passato illustre con gli Small Faces, Peter Frampton, chitarra e voce, proviene dagli Herd, Greg Ridley è stato il bassista degli Spooky Tooth, mentre il batterista Jerry Shirley è il più giovane dei quattro con i suoi 17 anni. Insieme danno vita ad una robusta hard rock band, che amplifica la tradizione blues, con chitarre distorte e le voci dei due chitarristi che trascinano per il bavero canzoni solide e prive di fronzoli. Il brano che più li rappresenta è Natural Born Bugie del settembre 1969, che nel formato a 45 giri arriva al n. 4 in Inghilterra.