Gentle Giant

Fondati dai tre fratelli Shulman, ex Simon Dupree & The Big Sound, i Gentle Giant sono uno dei complessi principali dell’era progressiva.

Vivono il loro miglior momento artistico nei primi anni ’70, grazie a un originale mix di elementi di hard rock, musica classica, jazz e suggestioni medievali.

Nel 1980 il gruppo si scioglie. Da allora sono usciti comunque numerosi dischi tra live e raccolte postume, spesso pubblicati dall’etichetta Glasshouse, di proprietà della band. 

 

Gentle Giant

Con la famosa immagine del “gigante buono” in copertina, il primo LP dei Gentle Giant è uno dei grandi classici del progressive inglese. Suono pirotecnico, ricchissimo di funambolismi strumentali e vertiginosi intrecci vocali, troppo elaborato per avere successo. Funny Ways, Alucard e soprattutto Nothing At All sono tra le cose migliori del sestetto inglese e anche di tutto il periodo.

Octopus

Atto finale di un irripetibile poker progressivo: è il disco della maturità per i Gentle Giant, che da qui in avanti non riusciranno più a evolversi, preferendo rielaborare vecchie idee, peraltro abbastanza complesse e cospicue da costituire un abbondante serbatoio. Primo album di canzoni, anche se molto atipiche, con un solo brano strumentale, e miglior successo nelle classifiche inglesi.

Civilian

Canto del cigno della formazione storica, “sopravvissuta più a lungo di altre bande storiche del prog inglese. Nonostante la nostalgia dei fan il gruppo resistiterà a ogni richesta di reunion, anche perché il mito viene mantenuto in vita con una fitta produzione di dischi d’archivio.