Cult

Non Disponibile

Ossessionato sin dall’adolescenza (parte della quale passata in Canada) dai miti dei pellerossa, Ian Astbury (1962) si stabilisce a Bradford, nello Yorkshire, fondando i Southern Death Cult che, dopo l’esordio, modificano il loro nome, prima in Death Cult, poi nel definitivo Cult.

Forti sonorità hard-rock dal 1983 al 1995, e dal 1999 ad oggi.

The Cult

Ancora prodotto da Bob Rock questo album ci offre un gruppo a fine della corsa. Infatti i Cult si sciolgono l’anno seguente e Ian Astbury cerca di rilanciarsi con una nuova band, gli Holy Barbarians e con il modesto disco Cream (Beggars Banquet, 1996 &Stelle=2;) che frena sul fronte heavy per dare più spazio a sonorità progressive.

Più avanti tenterà la stessa strada solistica senza troppa convinzione con Spirit/Light/Speed (Beggars Banquet, 2000 &Stelle=2;).

Electric

Ormai acclamati rappresentanti del rock degli anni ottanta, i Cult presentano un disco che offre, addirittura estremizzandole, le contraddizioni presenti nel lavoro precedente: il suono diventa più hard e venato di suggestioni psichedeliche; lo spregiudicato pastiche che caratterizza la band è ormai esorbitante. La produzione è affidata a Rick Rubin.

Beyond Good&Evil

Con ostinazione, enfasi e sempre con la guida discografica di Bob Rock, i Cult ritornano sulla piazza con un album che cerca di sintetizzare quelle caratteristiche che quindici anni prima li avevano portati in alto. Ma i tempi sono cambiati e poco aggiunge la vigorosa batteria di Matt Sorum ai sogni dei due leader di sempre.

Love

È l’album che consacra i Cult al successo e che ne definisce più precisamente la cifra stilistica. Lanciato da Rain e, soprattutto, da She Sells Sanctuary, presenta un rock piuttosto duro, tenuto assieme da furenti riff chitarristici e reso accessibile da una ritmica spesso ossessiva, comunque trainante. Pur zeppo di luoghi comuni rock e incline in qualche frangente al kitsch l’album certifica la natura provocatoria della band. E la vocalità di Astbury, che in alcuni momenti sembra richiamare quella di Jim Morrison, non si trattiene dal pescare anche in ambiti tipici del glam rock. L’album è il più grande successo dei Cult.