Ani DiFranco

Ecco il suo album di debutto (autogestito come tutti i successivi), un manifesto di poesia beat e urbana tutto nervi e scatti nell’esposizione vocale come nella tecnica chitarristica (Fire Door, Rush Hour), intervallato qua e là da oasi di intimismo minimalista (Both Hands).