Aerosmith

Una delle colonne dell’hard rock americano debutta con un album che pesca a piene mani dal blues, con la voce di Steven Tyler che duella con i riff brucianti di Joe Perry. Il suono è acerbo, ma di temperamento, sviluppato in oltre tre anni di gavetta nei locali tra New York e Boston. Il rifacimento di Ruphus Thomas Walkin’ The Dog è credibile, ma sono Mama Kin e la ballata Dream On iniziano a fornire i primi indizi di una band dal futuro stellare.