Brave New World

La stagione migliore termina subito, con la defezione di Scaggs e Peterman, che vorrebbero un suono più compatto e meno furbo. Miller invece ha intravisto bagliori di classifica e cerca di assecondare i gusti del pubblico con un disco di passaggio, di mestiere, senza momenti particolarmente indovinati, che si segnala solo per la presenza di Nicky Hopkins e Ben Sidran (più Paul McCartney in incognito).

BON JOVI: Keep The Faith

Sotto la guida del produttore Bob Rock, il gruppo si presenta con un’immagine meno colorata e con un suono più adulto, che prende le distanze in parte dal pop metal degli esordi, ma che ne rinnova il successo. I Believe e Bed Of Roses sono i brani migliori e anche quelli che mantengono il cordone ombelicale con il passato.

Come tutta la discografia è "stato ristampato e rimasterizzato in CD, con una traccia video. Il tastierista David Bryan pubblica un disco solista per la Moonstone, intitolato Netherworld, che passa del tutto inosservato.

Big World

Ogni nuovo album si sviluppa su un’idea diversa: che in questo caso consiste nel registrare dal vivo un repertorio interamente inedito con una formazione a quattro che reintroduce le chitarre. Sulla misura inedita di tre facciate di LP Jackson sfoggia versatilità e perizia, ma le canzoni stavolta (Hometown è la notevole eccezione) sono raramente memorabili.

 

Blue City

Le atmosfere “roots” delle colonne sonore precedenti sono qui abbandonate in favore di un uso abbondante della chitarra elettrica (a tratti caratterizzata da un vibrato molto “vintage”) e di una sequenza di pezzi decisamente rock.

Bona Drag

Così come accadde per gli Smiths, anche la carriera solista di Morrissey è costellata da singoli di rara efficacia. Quelli pubblicati nei primi anni di carriera sono raccolti in questa antologia assieme a diversi lati b. Oltre alle già citate Suedehead e Everyday Is Like Sunday a brillare sono soprattutto piccoli gioielli come Interesting Drug e The Last Of The Famous International Playboys.

B-52’s

Non Disponibile

Al celebre CBGB’s di New York non si sono ancora spenti i fuochi del punk, che da Athens, Georgia (che in futuro partorirà i REM) arriva una band quanto meno sorprendente.

In un trionfo di organi Farfisa e di pettinature iperlaccate, le voci di Cindy Wilson, Kate Pierson e Fred Schneider conducono gli ascoltatori in un revival anni ’50 caricato di sfumature curiosamente acide.

Oggi sono ancora qui. Dal 1976.